Josh Herdman, conosciuto ai più come Gregory Goyle di Harry Potter, ha di recente debuttato nelle arti marziali miste al Rise of Champions 2! Ma come è avvenuto questo drastico cambiamento dal mondo del cinema a quello degli sport da combattimento e le MMA in particolare?

In un’ intervista con il Blog Vice troviamo la risposta ” È sempre stato un mio sogno”.”Ho iniziato ad allenarmi appena ho finito di girare (Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 2). Ho fatto jujitsu per cinque anni. Quest’anno ho deciso di passare alle arti marziali miste, le pratico da quattro o cinque mesi.”

Ed ecco il video del suo primo match:

Il verdetto dei giudici parla chiaro 29-28, 29-28, 29-28! Con questo punteggio l’ ex serpeverde si è aggiudicato il suo primo match contro Janusz Walachowski!

84a2bc53b00139ac44f651837622add8

Herdman nei panni di Gregory Goyle in Harry Potter

Queste le sue sensazioni prima e dopo il match( Citazione da Vice):

“Durante il tuo primo incontro non puoi veramente pensare. Non stavo pensando, ‘ok, colpiscilo, buttalo a terra e tienilo lì.’ Riuscivo a pensare solo che mi stava prendendo a pugni. Era strano. Non riuscivo a pensare ad altro. Alla fine tutto si riduceva a due persone che si prendevano a pugni. Detto ciò, penso che sia stato comunque in incontro piacevole da guardare.”

E continua:

“Un sacco di persone mi hanno detto che non appena suona la campanella la paura scompare. Ma a me non è successo. Ero ancora molto nervoso.”

Sui sui impegni futuri Josh ha dichiarato:

“È una cosa che dà dipendenza. Sto già aspettando con ansia il prossimo match. Sono ancora nervoso, ma allo stesso tempo non vedo l’ora. A ottobre voglio partecipare a Rise of Champions 3, ma prima di quella data vorrei partecipare a un altro match.”

E ha concluso l’ intervista lanciando questo messaggio:

“In un certo senso è brutale, ma è anche una forma d’arte. E se una persona che ama questo sport vede che persino un attore di Harry Potter può combattere, pensa ‘Se può farlo lui posso farlo anche io’.”

Articolo a cura di Francesco Spinola.

 

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata